Al via il nuovo Master di I livello in “La lingua del diritto: comprensione, elaborazione e applicazioni professionali”, istituito dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Pavia, insieme al Senato della Repubblica e al CNR, e con la partecipazione di Eupolis Lombardia.

Leggi chiare, contratti con clausole non ambigue, atti della pubblica Amministrazione comprensibili: il diritto ha bisogno di un linguaggio appropriato e di professionisti della scrittura. È un ambito su cui Università e Istituzioni hanno deciso di investire sapere ed esperienza in modo nuovo e originale, per promuovere un’o­fferta formativa di alta qualità culturale e al tempo spesso fortemente professionalizzante.

L’obiettivo del Master è di formare esperti di scrittura giuridica in possesso sia di solidi strumenti giuridici sia di raffinate tecniche di analisi, che consentano di acquisire consapevolezza, chiarezza e precisione nella redazione e revisione di testi giuridici pubblici e privati.

Il percorso didattico culminerà in un tirocinio formativo presso il Senato della Repubblica – nel corso del quale gli iscritti parteciperanno alle attività degli Uffici a supporto dei lavori parlamentari, affiancheranno i funzionari nella stesura e revisione degli atti normativi, e seguiranno tutte le fasi dell’iter legislativo e dell’esame degli atti dell’Unione europea – e in un ulteriore tirocinio presso la Regione Lombardia.

Il Master prevede un massimo di 14 partecipanti; in caso di un numero superiore di candidature, l’ammissione sarà e­ffettuata secondo criteri di merito, in base al voto di laurea e a un colloquio, che terrà conto anche dell’eventuale carriera professionale pregressa e delle motivazioni del candidato.

Le iscrizioni saranno aperte dal 12 settembre al 30 ottobre 2017 sul sito dell’Università di Pavia http://www.unipv.eu/site/home/didattica/post-laurea.html

Per tutti i dettagli, si veda la brochure: Brochure

* Immagine: Firma della Convenzione tra il Senato della Repubblica, il CNR e l’Università di Pavia.