Kosmos, il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pavia (Piazza Botta, 9), propone dal 15 febbraio 2020 la nuova mostra “Squali, predatori perfetti” che consentirà un affascinante viaggio alla scoperta dei temibili abitanti di mari e oceani: sarà possibile toccare con mano oltre 30 modelli a grandezza naturale che riproducono con estrema fedeltà forme, anatomia interna, pelli e colori di questi pesci.

Un’esperienza speciale che, soffermandosi sullo studio delle loro abitudini e delle loro strategie di predazione, farà scoprire al visitatore inediti aspetti di questi animali spesso vittime di una ingiustificata psicosi: tra gli altri saranno esposti i modelli di uno squalo bianco di oltre 6 metri, uno squalo tigre, uno squalo martello e altre curiose specie fino al piccolissimo squalo pigmeo, con una particolare attenzione alle specie a rischio di estinzione.

Tutti i modelli sono realizzati in resina dal gruppo Naturaliter di Capannoli (Pisa), specializzato in riproduzioni naturalistiche e installazioni museali. L’allestimento prevede anche modelli animati, pannelli tattili e una collezione di piccole e grandi mandibole degli squali più rari al mondo.

L’uomo e gli squali. Uno speciale approfondimento sarà dedicato al rapporto uomo-squalo: se i popoli che vivono sul mare spesso hanno divinizzato gli squali e hanno decorato i loro corpi con amuleti e tatuaggi a forma di squali, pesci martello e mante come offerta agli dei del mare, l’uomo civilizzato ha iniziato a temere questi pesci in misura sproporzionata rispetto al reale rischio di attacco. La mostra svelerà le strategie e i motivi all’origine degli attacchi all’uomo.

ATTACCHI IN ACQUE ITALIANE DAL 1926

1926, Varazze (Mar Ligure), attacco mortale a un bagnante
1956, Circeo (Mar Tirreno), attacco a un subacqueo
1962, Circeo (Mar Tirreno), attacco a un subacqueo
1962, Circeo (Mar Tirreno), attacco mortale a un subacqueo
1963, Riccione (Mar Adriatico), attacco a un subacqueo
1978, Capo d’Anzio (Mar Tirreno), attacco a un subacqueo
1983, Riomaggiore (Mar Ligure), tentativo di attacco a un subacqueo
1986, Punta Secca (Sicilia), attacco a un bagnante
1989, Golfo Baratti (Mar Tirreno), attacco mortale a un subacqueo
1989, Marina di Carrara (Mar Tirreno), attacco a un surfista disteso sulla tavola
1991, Portofino (Mar Ligure), attacco al kayak di un bagnante

Da predatore… Se i serpenti in un anno provocano circa 10.000 vittime tra gli uomini, gli scorpioni 5.000 e i coccodrilli 2.000, solo 5 attacchi di squali risultano fatali.

…a preda. Ogni anno sono circa 100 milioni gli squali uccisi. Di questi, poco meno di 40.000 vengono sottoposti alla pratica dello shark finning (spinnamento), cioè privati ancora vivi delle pinne da vendere sul mercato come ingrediente della cucina orientale, e rigettati mutilati in mare. Questa tecnica consente di non avere sulle barche le ingombranti carcasse. Solo nel 2012 la pratica è stata ufficialmente messa al bando in Europa, Stati Uniti e Taiwan.

La mostra sarà aperta dal 15 febbraio al 15 luglio 2020 da martedì a domenica ore 10.00-18.00 (ultimo ingresso ore 17.30). Chiuso Pasqua e 1° maggio.

Inaugurazione aperta al pubblico venerdì 14 febbraio ore 18.00.

Nessun sovrapprezzo al biglietto d’ingresso del Museo Kosmos.

Locandina

AVVISO: L’apertura è sospesa sulla base dell’ordinanza di Regione Lombardia in accordo con il Ministero della salute, in particolare in relazione ai punti:

c) la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;

d) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei, dei cinema e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti e luoghi;

L’ordinanza ha validità immediata (dal 23 febbraio) e fino a domenica 1 marzo 2020 compreso, fatte salve eventuali e ulteriori successive disposizioni.