Nell’ambito del ciclo “I giovedì del Collegio Cairoli”, giovedì 18 gennaio 2018, alle ore 18.00, nell’Aula Magna del Collegio Fratelli Cairoli di Pavia (Piazza Cairoli, 1), il relatore Prof. Gugliemo Lanzani, Coordinatore del Center for Nano Science and Technology dell’Istituto Italiano di Tecnologia, terrà una conferenza dal titolo “La Retina Artificiale”.

Il relatore sarà presentato dal Prof. Giorgio Guizzetti, Emerito di Fisica, Università degli Studi di Pavia.

L’occhio è un organo di senso estremamente sofisticato, che si è evoluto in circa mezzo miliardo di anni a partire da una famiglia di molecole a base di carbonio coniugato. La rivelazione della luce avviene ancora attraverso quelle molecole, che sono la parte foto-attiva dei fotorecettori, che a loro volta trasmettono il segnale alle altre cellule della retina fino alle cellule gangliari e al nervo ottico. La perdita dei fotorecettori può avvenire in seguito a diverse patologie, che in termini semplici possono essere raggruppate in due principali: la retinite pigmentosa e la degenerazione maculare. Non esistono cure per lo stadio finale della malattia, ovvero la cecità. Da quasi 10 anni l’Istituto Italiano di Tecnologia porta avanti un progetto per la sostituzione dei fotorecettori nelle retine malate e il conseguente recupero di sensibilità alla luce. La protesi che stiamo considerando è a base di materiali organici, cioè ancora formate da molecole di carbonio coniugato, simili a quelle naturali.

Il seminario racconterà la storia di questa ricerca, dai primi esperimenti sui materiali ai dispositivi, per finire ai test in vivo.

Guglielmo Lanzani dal 2010 è coordinatore del Center for Nano Science and Technology dell’Istituto Italiano di Tecnologia e dal 2011 professore ordinario di fisica sperimentale (FIS01) presso il Politecnico di Milano. Si è laureato in Fisica presso l’Università statale di Milano e ha ricevuto il PhD in Chimica-Fisica dall’Università di Genova. Studia la foto-fisica dei semiconduttori molecolari e delle nano-strutture e ha pubblicato più di 250 articoli su riviste scientifiche internazionali e presentato più di 100 comunicazioni orali su invito a congressi internazionali. La sua attività di ricerca punta all’innovazione in campi quali l’energia e la salute attraverso lo studio di fenomeni fondamentali in nuovi materiali e la loro applicazione in prototipi.

Locandina