Mercoledì 18 aprile 2018, alle ore 17.00, presso la Biblioteca Statale di Cremona (Via Ugolani Dati, 4), si terrà il sesto incontro del ciclo “Le parole e le cose”.

Un libro prende vita quando viene aperto e si fa veicolo di incontri: tra autore e lettore, tra mondi differenti, tra tempi diversi. Gli incontri con i libri e i loro autori promossi dal Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia e dalla Biblioteca Statale di Cremona partono dal libro come legame che unisce le due istituzioni, lo mettono al centro e tentano di porlo tra la sua genesi e la sua sconosciuta e molteplice destinazione.

La ricerca che nasce da una tradizione viva di studi e si alimenta nella pratica quotidiana dell’insegnamento e della condivisione di saperi e pratiche incontra persone il cui ascolto renderà possibile l’essenziale movimento della cultura fra la tradizione e il nuovo. Si innesca così un movimento nel tempo.

Il titolo “Le parole e le cose”, citazione da Michel Foucault, è stato scelto per alludere proprio ai cambiamenti storici nei modelli culturali. Una consapevolezza che genera libertà e responsabilità.

I libri che saranno presentati sono legati alle ricerche e all’insegnamento svolti nel Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia, con sede a Cremona, e offrono percorsi culturali tra letteratura, musica, filologia, conservazione e valorizzazione dei beni culturali, storia, utilizzo della rete.

La Biblioteca Statale di Cremona si offre come luogo di elezione per allargare la condivisione degli esiti del lavoro svolto tra studio e docenza nel Dipartimento.

Mercoledì 18 aprile l’appuntamento con:

“Cara scientia mia, musica”. Studi per Maria Caraci Vela, a cura di Angela Romagnoli, Daniele Sabaino, RodobaldoTibaldi e Pietro Zappalà, Edizioni ETS 2017

Con i curatori del volume.

Il volume contiene oltre quaranta saggi di argomento musicologico, letterario e storico raccolti intorno alle tematiche di studio più praticate da Maria Caraci Vela, per molti anni docente di Filologia musicale nel Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia (sede di Cremona), a opera di colleghi, discepoli ormai divenuti colleghi e allievi delle generazioni più giovani: un volume che si configura così non solo come omaggio a una illustre studiosa, ma anche come testimonianza collettiva delle rete interdisciplinare che percorre l’attività di ricerca del Dipartimento.

Brochure

Locandina